BLOG LATTASI PLUS

Vivi Serenamente la Tua Intolleranza al Lattosio

BLOG LATTASI PLUS

Vivi Serenamente la Tua Intolleranza al Lattosio

Intolleranza al lattosio: cosa fare?

Intolleranza al lattosio: cosa fare?

Indice dei Contenuti

L’intolleranza al lattosio è una condizione comune che può causare disagio e fastidi digestivi, ma con le strategie appropriate è possibile gestirla efficacemente e continuare a godere di un’alimentazione varia e piacevole.

Oltre a ciò molte persone possono riscontrare delle limitazioni o stress legate alla vita sociale. Con i nostri consigli imparerai a vivere al meglio la tua intolleranza.

Scopri cosa fare quando si ha un intolleranza al lattosio in questo articolo.

intolleranza_lattosio_cosa_fare

Identificazione e diagnosi

Identificare l’intolleranza al lattosio può essere una sfida, dato che i sintomi spesso si sovrappongono con altre condizioni gastrointestinali. Di solito, si manifestano entro poche ore dall’ingestione di alimenti contenenti lattosio e possono includere gonfiore, dolori addominali, diarrea, gas e talvolta nausea.

Come diagnosticare l’intolleranza al lattosio:

  • Test del respiro all’idrogeno: È il metodo diagnostico più comune. Misura la quantità di idrogeno nel respiro dopo aver bevuto una soluzione di lattosio. Un aumento significativo dell’idrogeno indica che il lattosio non è stato digerito correttamente.
  • Test di tolleranza al lattosio: Implica il controllo dei livelli di glucosio nel sangue dopo aver assunto lattosio. Se i livelli di glucosio non salgono, significa che il lattosio non è stato adeguatamente digerito.
  • Biopsia intestinale: Questo è un metodo invasivo e raramente utilizzato, che può determinare direttamente la presenza dell’enzima lattasi.
  • Esame genetico: Una variazione genetica può essere responsabile dell’intolleranza al lattosio. Gli esami genetici possono confermare questa condizione, in particolare nei casi di intolleranza al lattosio di origine primaria.
  • Diario alimentare e di sintomi: Registrare cosa e quando si mangia, insieme ai sintomi correlati, può aiutare a identificare se il lattosio è la causa dei disagi.

Dopo la diagnosi, se i risultati sono positivi, bisogna procedere a gestire l’intolleranza al lattosio nel migliore dei modi. Nei prossimi capitoli spieghiamo come.

Modifica dell'alimentazione

Per gestire l’intolleranza al lattosio, la modifica dell’alimentazione è spesso la prima linea di intervento.

Chi soffre di una bassa intolleranza, questo non significa necessariamente eliminare tutti i prodotti lattiero-caseari, ma piuttosto adeguare la dieta per ridurre il consumo di lattosio a un livello che il corpo possa tollerare senza disagio.

Coloro che invece hanno un’intolleranza media o alta devono evitare assolutamente qualunque cibo contenente anche basse dosi di lattosio.

Ecco alcune strategie alimentari:

    • Scegliere alimenti a basso contenuto di lattosio: Alcuni prodotti lattiero-caseari, come certi formaggi stagionati e lo yogurt, contengono livelli naturalmente più bassi di lattosio e possono essere meglio tollerati da chi ha una lieve intolleranza.
    • Consumare sostituti del latte: Esistono numerose bevande vegetali come il latte di soia, mandorla, cocco, riso e avena che non contengono lattosio e possono sostituire il latte vaccino. È importante assicurarsi che la dieta sia ancora nutritiva, soprattutto in termini di calcio e vitamina D. Alcuni di questi sostituti vengono spesso arricchiti o fortificati per fornire questi nutrienti essenziali.

       

    • Mangiare latticini senza lattosio: Il mercato offre una varietà di prodotti lattiero-caseari trattati per rimuovere il lattosio, rendendoli più facilmente digeribili.

Adottando questi accorgimenti, è possibile ridurre i sintomi dell’intolleranza al lattosio mantenendo al contempo una dieta equilibrata e piacevole. Se si hanno dubbi sulla modifica dell’alimentazione, si può consultare un dietologo per elaborare un piano alimentare personalizzato che garantisca un apporto equilibrato di nutrienti.

Attenzione alle etichette

Una corretta gestione dell’intolleranza al lattosio richiede un’attenta lettura delle etichette degli alimenti. Il lattosio può essere presente in molti prodotti alimentari in cui non ci si aspetterebbe di trovarlo.

Di seguito sono riportati alcuni suggerimenti e informazioni utili per interpretare correttamente le etichette dei prodotti.

Ingredienti da monitorare:

  • Nomi diretti del lattosio: Ovviamente, l’ingrediente “lattosio” è un chiaro indicatore della sua presenza in un alimento.
  • Derivati del latte: Ingredienti come siero di latte, caseinati, latte in polvere, e panna possono contenere lattosio.
  • Ingredienti che possono confondere: Ci sono termini come lattato, acido lattico, e lactilato che non indicano necessariamente la presenza di lattosio. Questi sono spesso derivati del latte ma possono essere processati in modo tale da non contenere lattosio.

Simboli e sigle:

  • Simboli di certificazione: In alcuni paesi, ci sono simboli che indicano quando un prodotto è “senza lattosio” o “adatto per intolleranti al lattosio”.

Cosa cercare:

  • Alimenti certificati senza lattosio: Alcuni prodotti possono vantare una certificazione che garantisce la mancanza di lattosio, che può essere un grande aiuto per gli intolleranti.
  • Codici additivi: Alcuni additivi alimentari possono contenere lattosio. È utile conoscere questi codici e monitorarli nelle liste degli ingredienti.

Cautela con i prodotti Elaborati:

  • Prodotti processati: Alimenti trasformati e pronti al consumo possono contenere lattosio come additivo o conservante. È essenziale verificare sempre l’elenco degli ingredienti.
  • Prodotti “senza latticini”: Anche se un prodotto è etichettato come “senza latticini”, potrebbe comunque contenere tracce di lattosio o derivati del latte utilizzati nel processo di produzione.

Informarsi presso i produttori:

  • Contatto diretto: Se le informazioni sull’etichetta non sono chiare, è consigliabile contattare direttamente il produttore per ottenere conferme sulla presenza di lattosio.

Legge sulle Etichette:

  • Regolamenti governativi: È importante essere a conoscenza dei regolamenti specifici del paese (in cui si fanno acquisti) riguardanti l’etichettatura degli alimenti, poiché ciò può variare notevolmente da una nazione all’altra.

Formazione ed educazione:

  • Formazione continua: Mantenere un aggiornamento costante riguardo alle terminologie e alle pratiche di etichettatura può aiutare a evitare consumi accidentali di lattosio e a fare scelte alimentari informate.

Ricordarsi sempre di leggere le etichette è fondamentale per evitare il consumo involontario di lattosio e per mantenere una dieta bilanciata e sicura. Prendendo questa abitudine, si può vivere con l’intolleranza al lattosio senza incorrere in sintomi indesiderati.

Vita sociale, ristoranti e mangiare fuori casa

L’intolleranza al lattosio non deve essere un ostacolo alla vita sociale, in particolare quando si tratta di godersi un pasto al ristorante.

Visto che non è possibile controllare direttamente gli ingredienti come si farebbe con i prodotti acquistati al supermercato, è importante adottare alcuni accorgimenti quando si mangia fuori.

Chiarire i propri bisogni:

  • È essenziale comunicare chiaramente la propria intolleranza al lattosio ai camerieri o al personale del ristorante. Non si tratta di essere fastidiosi, ma di assicurarsi di poter godere del pasto senza preoccupazioni.

Informarsi sul menu:

  • Molti menù oggi includono indicazioni sugli allergeni o su ingredienti specifici come il lattosio. Tuttavia, se queste informazioni non sono presenti, non esitare a chiedere chiarimenti su quali piatti sono privi di lattosio o possono essere adattati alle proprie esigenze.

Opzioni specifiche:

  • Cerca ristoranti che offrano menù o opzioni specifiche per chi ha intolleranze o allergie. Questo può ridurre significativamente lo stress di dover scegliere e chiarire cosa è sicuro mangiare.

Domande dirette:

  • Non limitarti a domandare se un piatto contiene lattosio, ma chiedi specificatamente informazioni su salse, condimenti e metodi di cottura che potrebbero introdurre lattosio nei piatti in modi non evidenti.

Alternative creativi:

  • Considera piatti che naturalmente non contengono lattosio, come grigliate di carne o pesce e insalate, purché siano senza condimenti a base di latticini o modificabili.

Suggerimenti per il personale:

  • Suggerisci sostituzioni semplici, come olio d’oliva al posto del burro, o chiedi di escludere particolari elementi del piatto che contengono lattosio.

Cucina etnica:

  • Esplora cucine etniche che tradizionalmente utilizzano poco o nessun lattosio nei loro piatti, come quella asiatica, che può essere una scelta più sicura.

Preparazione personale:

  • Considera la possibilità di portare con te un integratore di lattasi come LATTASI PLUS nel caso in cui vi siano dei dubbi sulla presenza di lattosio nei piatti scelti, consentendoti così di goderti il pasto senza preoccupazioni.

Feedback e ringraziamenti:

  • Dopo aver trovato piatti adatti e aver ricevuto un buon servizio, lascia un feedback positivo. Ciò può incoraggiare il ristorante a mantenere e forse espandere le opzioni per chi è intollerante al lattosio.

Seguendo questi semplici passaggi, chi soffre di intolleranza al lattosio può godere pienamente dell’esperienza del ristorante, facendo di un potenziale problema un aspetto gestibile della propria vita sociale.

Digerire il lattosio in totale serenità? Integratore LATTASI PLUS

Gli integratori come LATTASI PLUS stanno cambiando le sorti degli intolleranti al lattosio.

Sviluppati apposta per far digerire al meglio il lattosio, offrono una soluzione naturale, pratica, economica e veloce per digerire serenamente qualunque pasto contenente lattosio.

Quando una persona ha l’intolleranza al lattosio, significa che il suo corpo non produce abbastanza lattasi per gestire il lattosio che consuma. Questo porta il lattosio non digerito a viaggiare attraverso l’intestino, dove può causare i sintomi scomodi come gonfiore, gas,  diarrea e nausea.

Ingerire una compressa di LATTASI PLUS qualche minuto prima del pasto, mette a disposizione l’enzima mancante facilitando la digestione e prevenendo i sintomi dell’intolleranza.

Perché provare l’integratore LATTASI PLUS?

  • Alto dosaggio di enzima lattasi: LATTASI PLUS si distingue nel mercato per la sua alta concentrazione di enzimi lattasi, con 15000 FCC (Food Chemical Codex) per compressa. Questa potente dose di enzima è progettata per aiutare a spezzare il lattosio presente nel cibo, permettendo una digestione più facile e riducendo i sintomi associati all’intolleranza.

  • Vitamina D3 aggiunta: Ogni compressa include 200 UI di vitamina D3 naturale, che non solo supporta la salute delle ossa ma migliora anche la digestione ed rafforza il sistema immunitario.

  • Quantità, qualità e prezzo: Con 100 compresse per confezione, LATTASI PLUS offre un eccellente rapporto quantità-qualità-prezzo. Questo significa che i consumatori possono affidarsi ad un prodotto durevole e conveniente, senza dover compromettere l’efficacia.

  • Facilità di trasporto: Il prodotto viene anche con un porta pillole pratico e discreto, rendendolo un compagno ideale per i pasti fuori casa. Che tu stia andando a una cena di lavoro o a un pranzo con amici, puoi portare con te LATTASI PLUS senza problemi.

  • Compresse deglutibili: A differenza di altri integratori che potrebbero essere masticabili con gusti e consistenze che non tutti apprezzano, LATTASI PLUS offre compresse deglutibili insapore. Questo le rende più facili da ingerire per molti consumatori e rimuove ogni barriera al loro utilizzo quotidiano.

Optare per LATTASI PLUS significa scegliere una gestione proattiva dell’intolleranza al lattosio. Non più ansie legate al consumo di cibi contenenti lattosio o all’idea di soffrire dopo ogni pasto. Con un’integrazione adeguata, è possibile neutralizzare il lattosio presente nei cibi e vivere un’esperienza culinaria più libera e piacevole.

La capacità di gestire l’intolleranza con un supporto efficace come LATTASI PLUS può avere un impatto significativo sulla qualità della vita. Permette di espandere le scelte alimentari e di vivere momenti conviviali con maggiore serenità, senza il timore di potenziali disagi gastrointestinali. In sostanza, LATTASI PLUS si propone come un alleato affidabile nella vita quotidiana di chi non vuole rinunciare al piacere della tavola nonostante l’intolleranza al lattosio. Lo hai già provato?

Blog contenente articoli di approfondimento riguardo il mondo della intolleranza al lattosio: News, curiosità, sintomi, cibi, approfondimenti, etc…

Per richieste specifiche verso il nostro redazionale, non esitare ad inviarci un messaggio.

SEGUICI SUI SOCIAL E SUL GRUPPO FACEBOOK

SCARICA LA GUIDA PER INTOLLERANTI AL LATTOSIO

COMPRESSE LATTASI PLUS

Scopri subito a cosa servono e come possono migliorare la gestione della tua intolleranza al lattosio!

Integratore LATTASI PLUS

Integratore di Lattasi 15.000 FCC con vitamina D3 (200UI)
100% Naturale – Made in Italy
100 Compresse
1 Compressa LATTASI PLUS = 1 pasto

Spedizione gratuita in tutta Italia
Porta Compresse GRATUITO

Se invece hai qualche dubbio o domanda non esitare a contattarci!

porta_compresse_lattasi_plus

Integratore
LATTASI PLUS

Integratore di Lattasi 15.000 FCC
con vitamina D3 (200UI)
100% Naturale – Made in Italy
100 Compresse
1 Compressa LATTASI PLUS = 1 pasto

Spedizione gratuita in tutta Italia
Porta Compresse GRATUITO

Se invece hai qualche dubbio o domanda non esitare a contattarci!

porta_compresse_lattasi_plus

Blog contenente articoli di approfondimento riguardo il mondo della intolleranza al lattosio: News, curiosità, sintomi, cibi, approfondimenti, etc…

Per richieste specifiche verso il nostro redazionale, non esitare ad inviarci un messaggio.

SEGUICI SUI SOCIAL E SUL GRUPPO FACEBOOK

COMPRESSE LATTASI PLUS

Scopri subito a cosa servono e come possono migliorare la gestione della tua intolleranza al lattosio!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

×
Carrello close